Comunicazione

Il nuovo tracciatore di positorni per l'upgrade dell'esperimento MEG.

Chiarello G., Chiri C., Cocciolo G., Corvaglia A., Grancagnolo F., Miccoli A., Panareo M., Pepino A., Pinto C., Tassielli G.F.
  Venerdì 15/09   09:00 - 12:00   Aula A208   I - Fisica nucleare e subnucleare
L'esperimento MEG-II presso il Paul Scherrer Institut (PSI) ricerca il decadimento $\mu^{+}\rightarrow e^{+}\gamma$ con una sensibilità di $5\times 10^{-14}$. Il positrone ottenuto nel processo è rilevato da uno spettrometro magnetico composto da un tracciatore, un timing counter e da un magnete superconduttore. Il tracciatore è una camera a deriva stereo ultra leggera, costituita da 1920 celle approssimativamente quadrate, riempito con una miscela di gas 85%He-15%$iC_{4}H_{10}$. Questo rivelatore, attualmente in costruzione presso i laboratori dell'INFN di Lecce e Pisa, permetterà di ottenere una risoluzione di $\sim 110\mu$ sul singolo hit.