Relazione su invito

Il lapislazzuli: Alla ricerca delle antiche miniere impiegando la microscopia ionica e la spettroscopia a raggi x.

Lo Giudice A.
  Lunedì 11/09   14:30 - 18:30   Aula A222   VI - Fisica applicata, acceleratori e beni culturali
Il lapislazzuli, in virtù del suo caratteristico colore blu, è stato avidamente ricercato sin dall'antichità per la fabbricazione di oggetti preziosi quali collane, gioielli, sigilli e piccoli oggetti decorativi e sacri. Ma da dove proveniva la roccia grezza impiegata per realizzarli? Uno studio multidisciplinare che si avvale di tecniche di caratterizzazione basate su fasci di ioni e di raggi x ed iniziato circa 10 anni fa cerca di rispondere a questa domanda, dimostrando come già diversi millenni fa gli Antichi Egizi utilizzassero lapislazzuli provenienti da miniere distanti più di 5000 km e collocate nella regione del Badakhshan in Afghanistan.